16.09.2019, ore 16:10

“Per Giampaolo Bellucci”, di Giorgio Bonomi

Di Giampaolo Bellucci avevamo letto un libro di poesie, belle, piene di realtà e di sentimento, con versi liberi, a volte in rima, senza comunque un disegno preordinato.
Ora lo scrittore ci propone Il buio e la luce (Arduino Sacco Editore, Roma 2011) che ha per sottotitolo “tenebre e spiragli nella depressione”: si tratta di un romanzo breve, che si legge tutto di un fiato, in cui la storia è quella vera dell’autore. Certamente è un’autobiografia ma, allo stesso tempo, è una narrazione che riesce ad innalzarsi dal caso singolo e particolare per farsi, come deve essere l’arte se è tale, universale, cioè interessare e coinvolgere emotivamente i più.
Con una prosa asciutta ed efficacemente essenziale ci narra parte della sua vita: il lavoro da cameriere specializzato, le sue donne, i suoi amori e, poi, la malattia, la depressione. Questa è una malattia, oggigiorno assai diffusa evidentemente per ragioni di tipo sociologico, terribile, perché apparentemente il paziente sta bene o, per lo meno, non fa male a nessuno, però dentro di sé cova e si sviluppa il morbo che può annientare la persona.
Ci vuole una grandissima forza per riconoscere ed avere consapevolezza di quello che si è e che si ha: Bellucci ha dimostrato nella vita reale questa forza ed è uscito dalla malattia, anche se forse non dal malessere di vivere, condizione questa tanto vissuta da molti quanto riportata efficacemente in tanta letteratura, dal romanticismo ad oggi.  Lo scrittore allora ci offre il racconto di questa parte della sua vita, anche come consiglio per chi ne abbia necessità.
Nella lettura, abbiamo seguito lo svolgersi dei fatti narrati con trepidazione, le sue storie personali con le sue compagne, sempre riportate pudicamente e con discrezione, o l’entrata e l’uscita dalla clinica, ed anche l’alternarsi dei suoi lavori, al nord e al centro dell’Italia.
Insomma Il buio e la luce è un bel libro che fa onore allo scrittore e colui che si addentra nella lettura di esso ne esce certamente arricchito di umanità e di solidarietà.                                                                                                                         Giorgio Bonomi