16.09.2019, ore 16:59

Mimmo coletti

Crea quasi in punta di piedi, con riserbo estremo, per instillare nel lettore il silenzio della riflessione segreta, il pensiero che corre, si isola nelle fessure della memoria e richiamato in superficie diventa un cerchio, due, tre, quattro come quando si getta un sassolino nel vetro immoto di uno stagno. Giampaolo parecchio ha da raccontare e lo fa con toni mai altisonanti, mai gridati. Certo ogni esistenza è diversa, increspata da incontri, tumultuosa per eventi, dolce, carezzevole, aspra, difficile. A voltarsi indietro, a scrutare il cammino compiuto (e chi riesce a farlo è già un saggio) si scorgono i passi perduti, il tempo dissolto e ritrovato, le magie di un attimo, il buio, le speranze a braccetto delle illusioni. Ecco, il ritmo che si affaccia nelle liriche, nel suo diario di bordo, ha la cadenza lieve e anche il grido soffocato di un ricordo, di un’emozione, di un palpito, di un petalo sfiorito. Bellucci si lascia trasportare e a suo modo è un incantatore perché esplora l’animo, si proietta nelle costellazioni del privato, detta il senso di una realtà che è insieme utopia. E’ quasi ritroso nella confessione, Giampaolo, non oltrepassa il limite, detta il ritmo del cuore con periodare sciolto, a volta pure annegato nella voluta semplicità. Il che non toglie, anzi tutt’altro, la profondità del sentire, l’armonia spezzata del tempo che fluisce, la follia di un attimo, il punto fermo dell’amore, la musica delle parole strappate dalla pagina e confuse nel vento dell’invenzione. E c’è anche il lato oscuro degli anni, il precipitare nel buio, l’angoscia dell’attimo fuggente. Così si dilatano fino all’estremo gli orizzonti, si tendono in un galoppare di incertezze, di miraggi, di puntute colline del ricordo.
Sono liriche dense su cui devono poggiarsi lo sguardo e la mente. E sostare. Senza fretta, senza passare ad altro prima che l’immagine, la nota sospesa, il fremito del respiro non siano divenuti atto compiuto. Gioia della scrittura anche nel fissare la malattia dell’animo: Bellucci, sincero e forte, presente a se stesso e curioso intellettualmente, vuole spiccare il volo. L’augurio è che presto arrivi nell’azzurro totale.